.comment-link {margin-left:.6em;}

ianilo marchesi carcinoma infiltrante scarsamente differenziato

Combatto una malattia al collo nella parte cervicale laterale sinistra, e due tumori ai polmoni. Nel 2006, ho fatto terapie intensive di chemio e 36 trattamenti di radio. Nel 2007 recidiva dei noduli laterocervicali con aumento delle dimensioni, dovendo cosi fare di nuovo trattamenti di chemio. Continuo a combattere, credere sempre. Per scrivermi e ne vuol far partecipe i lettori del blog. ianilo@gmail.com

Le mie foto
Nome:
Località: Riotorto, Livorno, Italy

** La verità alle volte è più vicina di quanto si creda, ed alle volte si può nascondere nelle righe di qualche paragrafo.** Se il mio blog può essere di aiuto a qualcuno, ne sarò felice.

giovedì, aprile 17, 2008

Tumori, quante informazioni false sul web

Ciao, nei miei post di solito vi dico sempre di prendere con la dovuta cautela le notizie che parlano di salute e malattia, poichè sembra che circa un sito su venti contenga informazioni errate sul carcinoma del seno: soprattutto, le pagine web che parlano della cosiddetta medicina alternativa.

I ricercatori americani hanno esaminato 343 pagine internet, raggiunte attraverso 5 grandi popolari motori di ricerca (Google, Yahoo, Alta Vista, Overture e Alltheweb). Diciotto di queste pagine, ovvero poco più del 5 per cento, riportavano una quarantina di affermazioni inadeguate, secondo 15 criteri di qualità precedentemente stabiliti, che comprendevano tra le altre cose una valutazione sull’aggiornamento dei dati, le credenziali degli autori, la conformità alle linee guida ufficiali sulla malattia e sulle terapie. Per quanto riguarda i siti internet dedicati alle cure complementari e alternative, hanno mostrato una possibilità 15 volte superiore di riportare affermazioni poco precise - scrivono gli autori dello studio sulle pagine della rivista Cancer.

In Italia una persona su 5 usa la rete, quando ha bisogno di un servizio sanitario (tra i laureati la quota sale al 34 per cento), e il 12 per cento (oltre il 20 per cento tra i laureati) si presenta dal medico per discutere di diagnosi e terapie alla luce di informazione trovate navigando nel web.

Questa tendenza è confermata anche da chi con le pazienti parla ogni giorno, come Giovanna Gatti, senologa presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano e presidente e delegata europea del Forum italiano di Europa Donna, movimento di opinione per la lotta al tumore del seno: «C’è chi cerca informazioni - spiega - sui centri, sui medici, sulla malattia, sui fattori di rischio, sugli stili di vita preventivi o protettivi.

Addirittura c’è chi cerca consulti on line o rassicurazioni sulla prognosi o sulle terapie che si stanno seguendo. In realtà, se da un lato l'informazione è sempre preziosa, perché permette di porsi in relazione con i medici in modo più consapevole, a volte la quantità di fonti è eccessiva e contraddittoria e genera confusione. Spesso le aspettative sono irrealistiche e ci si imbatte in notizie sbagliate o, peggio, in siti di persone che abusano della fiducia degli internauti allo scopo di attirare clienti o adepti».

La raccomandazione è sempre quella di prendere l'informazione con le molle, consultare il medico di famiglia, l'oncologo o lo specialista, sempre sempre sempre.
Non ci sono prodotti miracolosi contro il cancro, ci sono cure convenzionali che possono aiutare ad allungare la vita a chi ne è affetto.

Sarebbe opportuno che tutti noi ci mobilitassimo affinchè alla ricerca vengano dati più fondi per poter scoprire cure e debellare questo terribile male che non risparmia nessuno, nemmeno dei bambini innocenti.

Etichette:

2 Comments:

Anonymous Anonimo said...

È vero Ianilo: questo male non risparmia nemmeno i bambini innocenti.
Io non sono un bambino, non sono innocente, ma questo male mi ha colpito. Quello che ho capito in tanti e tanti giorni di meditazione, è che ognuno di noi è chiamato a sobbarcarsi una parte del male dell'universo, ed a me ed a te è capitato di doverlo fare con e grazie a questo male.
Dal momento che ho capito questo sono diventato sereno, ed ora sono impaziente di vivere (e per questo lotto) ma anche di vedere la fine, quel momento in cui sarò faccia a faccia con la Luce, pulito nella coscienza per aver affrontato con Dignità quello che mi è stato dato di vivere, Nulla in confronto alle sofferenze di cui si sono fatti carico tanti altri uomini nel corso della ma Storia.
Ma sarò faccia a faccia con l'Eternità, con l'Infinito, con l'eterno equilibrio e con l'esistenza spirituale che c'è oltre questo mondo materiale.

aprile 17, 2008 10:32 PM  
Blogger janus said...

Capisco dal tuo post che anche tu ti sei fatto una ragione, e lotti affinchè i giorni che restano siano migliori e sereni. Bel post.
Ti abbraccio forte forte
ianilo

aprile 18, 2008 5:13 AM  

Posta un commento

<< Home

-->