.comment-link {margin-left:.6em;}

ianilo marchesi carcinoma infiltrante scarsamente differenziato

Combatto una malattia al collo nella parte cervicale laterale sinistra, e due tumori ai polmoni. Nel 2006, ho fatto terapie intensive di chemio e 36 trattamenti di radio. Nel 2007 recidiva dei noduli laterocervicali con aumento delle dimensioni, dovendo cosi fare di nuovo trattamenti di chemio. Continuo a combattere, credere sempre. Per scrivermi e ne vuol far partecipe i lettori del blog. ianilo@gmail.com

Le mie foto
Nome:
Località: Riotorto, Livorno, Italy

** La verità alle volte è più vicina di quanto si creda, ed alle volte si può nascondere nelle righe di qualche paragrafo.** Se il mio blog può essere di aiuto a qualcuno, ne sarò felice.

venerdì, luglio 11, 2008

La mia allegria? Ora sono triste

Ciao, la nottata dopo la chemio fatta ieri mattina, si è trasformata in un piccolo incubo, pensavo continuamente al dover cambiare medico oncologo, dopo 2 anni di cure, passate con mille dolori dalla prima chemio alla radioterapia, pensavo al bel rapporto che avevo instaurato con lui che cercava di guarirmi dai miei tumori al collo ed al polmone, e senza vergona vi dirò che ho pianto.

Con il mio medico di fiducia avevo stabilito, e le mie figlie anche, una relazione di fiducia, e la fiducia si basava sulla reciproca sincerità ma anche sulla sua comprensione amorevole. Io reagivo meglio alla cura, e la mia testa anche, non pensavo di essere ammalato.

Il malato, quando le cose si fanno serie, quando la vita appare minacciata o, sulla base di quanto è umanamente prevedibile, già pregiudicata, si sente in balia delle onde, non sà più a cosa va incontro, anche se conosce il nuovo medico che lo curerà, e ne conosce la grande professionalità ed aperture verso nuove cure, il dott. Antonuzzo che stimo per la serietà con cui svolge il suo lavoro di medico. Ora mi ha fatto fare la nuova tac per il 24 luglio, cosi si vede cosa fare, quali cure continuare.

Devo far nascere l'empatia, nel mio nuovo medico oncologo, che vuol dire immedesimazione nei bisogni, nei problemi e nella sofferenza di me malato. E vuol dire anche capire dov'è per me il limite fra ciò che voglio sapere e non sapere, fra il mio bisogno di verità e il mio bisogno di speranza.

Un bacio ed un'abbraccio a chi mi segue, non siate tristi per me, da questi giorni molti tristi, cercherò di venirne fuori abbastaza presto.

Etichette:

10 Comments:

Anonymous Anonimo said...

A volte il nuovo ci spaventa ed appare una minaccia alla nostra stabilita', invece quello che lasciamo entrare senza giudizi potrebbe risultare migliore per noi.
Capisco la difficolta' di ricreare un tipo di rapporto con un altro dottore, un rapporto di fiducia, ma sento che Antonuzzo sara' all altezza.
Vanessa

luglio 11, 2008 10:03 AM  
Blogger yocoandra said...

Ian non essere triste!

Il medico è importante ma nn quanto la forza che tu possiedi per combattere, sono convinta come Vanessa che il dott. Antonuzzo sia all'altezza.

Un bacione e un abbraccio

Ambra

luglio 11, 2008 10:09 AM  
Anonymous raffaella said...

E oltre a quello che già ti hanno detto loro, aggiungo che in fin dei conti non è del tutto un estraneo per te, già lo hai conosciuto e lui ha conosciuto te. Di sicuro tra loro si sono parlati, i medici non sono solo "medici", hanno anche un dovere morale verso chi hanno in cura. Sono sicura che il tuo vecchio oncologo gli ha spiegato molte cose e dato direttive e il sostituto proseguirà nel metodo che usava il vecchio. Vedrai, neanche ti accorgerai del cambiamento ;)
bacino ianiluzzo :*

luglio 11, 2008 5:24 PM  
Anonymous raffaella said...

Ianilo???

luglio 12, 2008 8:05 AM  
Blogger ianilo said...

Ciao, siete sempre carine, vi penso nelle vostre case a cercare di far finta di niente, di soffrire e di far di tutto per non farlo vedere. Io se avete notato sul mio blog stò cercando di essere me stesso senza falsità e vergogna,sono umano, piango e rido, ridere mi farebbe bene anche come cura, maalmomento non ci riesco,mi sforzo, ma sarebbero risate fasulle. MI passerà, sto cercando di fare mente serena e di analizzare i prossimi giorni per vedere di riuscire a stabilire un feeling che mi permetta di tornare a lottare come prima. Ci riuscirò senz'altro anche perchèanche oggi al momento non hop avuto effetti collaterali. Credo davvero che sia l'aloe che aiuta dopo la chemio, aiuta il nostro sistema immunitario a combattere la nausea ed il vomito.Se domani sera vomiterò alle 22 una volta , ne avrò la certezza.Un bacio a tutte dolcissime, vi voglio bene. Ciao passate un buon weekend.

luglio 12, 2008 10:04 AM  
Anonymous raffaella said...

Io ti leggo proprio per questo Ianilo, perchè sei te stesso... e ti ammiro tanto. :)

luglio 12, 2008 4:50 PM  
Blogger Emanuela said...

Ciao Ianilo
io penso che hai tutto il diritto di essere triste e preoccupato per questo cambiamento per cui anche se vado controcorrente non ti diro' che con questo nuovo oncologo sara' un rapporto privilegiato come con quello che ti ha accompagnato fino a qui. Forse potra' essere meglio o forse peggio, lo potrai sapere solo andando avanti nel tuo cammino. Ci sono momenti nella vita in cui ti assale uno sconforto enorme nel pensare agli ostacoli che devi affrontare, momenti in cui pensi di avere gia' dato tutto e di non avere piu' forza per combattere le avversità, momenti in cui ti senti dentro una solitudine immensa e capisci che nessuno potrà togliertela , capisci che, anche che se in quel momento non lo trovi, un motivo qualsiasi per pensare che la vita e' bella esiste sempre. Allora rialzi la testa e tiri fuori la grinta e il tuo coraggio cancella i momenti bui e le angosce profonde e il tuo sorriso illumina le persone che ti sono vicine.

luglio 12, 2008 9:29 PM  
Anonymous raffy said...

ciao ianilo ho letto quanto scritto da te e dalle altre amiche, concordo con tutti.
Vedrai anche con il nuovo dott. andrà bene-
in merito alla tua tristezza penso che delle volte ci sembra dover essere supereroi,sia voi che combattete in prima linea sia chi combatte in qualche modo vicino a voi.forse alle volte riusciamo ad essere super ma siamo degli esseri umani eabbiamo bisogno anche noi di ricaricarci e abbiamo il diritto anche di lamentarci di piangere e alle volte anche di in....ci!!!!
Penso che il dolore, la tristezza ,la rabbia siano sentimenti presenti in maniera estrema in chi combatte per la propria vita che è il dono più grande, ma dobbiamo lasciarli defluire e prendere forza da questi sentimenti sfruttare la loro enorme potenza a nostro vantaggio. Dobbiamo come dici anche tu riuscire a sorridere ogni giorno anche per le piccole cose come fanno i bambini piccoli.
il sorriso è anche una forma di terapia l'importante che si riesca a sorridere con il cuore e non solo con le labbra!

un ultima cosa,quello che tu dici sull'aloe penso sia vero come ti ho scritto più volte e spero che come è capitato a mia sorella ti serva anche per avere dei miglioramenti e non solo minori effetti collaterali.
saluti a tutti

luglio 12, 2008 9:44 PM  
Anonymous raffaella said...

Spudoratamente OT:
Ianilooooooooooooo... ma ti rendi conto??? Sei beato tra le donne!!!!! Siamo tutte donnine che ti scrivono!!! :O :D

luglio 13, 2008 10:30 AM  
Blogger ianilo said...

E che belle donne anche, con lo spirito libero e guerriere, all'amazzone, mi piego ma non mi spezzo :_))))))
Si, siete veramente uniche, ma ti voglio dire che siamo sempre un centinaio sul blog durante il giorno, persone che leggono e si immedesimano anche loro con i nostri problemi esistenziali e giornalieri, e che anche se non postano un commento sono con noi, mi mandano una mail, e mi chiedono informazioni, vivono e soffrono con i nostri problemi, e magari seguono anche i consigli che ogni tanto diamo, e questo è lo spirito vero del blog, fare una piccola comunità che dialoga e che porta a conoscenza degli altri, quello che puo' essere utile per vivere la nostra malattia nel miglior modo possibile.
Un baciione, siete care, e vi voglio bene tanto tanto.
ianilo

luglio 13, 2008 11:35 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

-->