.comment-link {margin-left:.6em;}

ianilo marchesi carcinoma infiltrante scarsamente differenziato

Combatto una malattia al collo nella parte cervicale laterale sinistra, e due tumori ai polmoni. Nel 2006, ho fatto terapie intensive di chemio e 36 trattamenti di radio. Nel 2007 recidiva dei noduli laterocervicali con aumento delle dimensioni, dovendo cosi fare di nuovo trattamenti di chemio. Continuo a combattere, credere sempre. Per scrivermi e ne vuol far partecipe i lettori del blog. ianilo@gmail.com

Le mie foto
Nome:
Località: Riotorto, Livorno, Italy

** La verità alle volte è più vicina di quanto si creda, ed alle volte si può nascondere nelle righe di qualche paragrafo.** Se il mio blog può essere di aiuto a qualcuno, ne sarò felice.

giovedì, aprile 24, 2008

Abbiate pazienza ma io sono veramente incavolato

Ciao, già che ho un male terribile al muscolo della spalla sinistra, già che non posso organizzarmi qualche giorno di vacanza perchè sempre impegnato in visite e balle varie, mi devo pur leggere delle notizie che mi fanno veramente incazzare.

Ieri ho letto una notizia che sicuramente è passata inosservata perchè altre probabilmente più interessanti ma io quel 5 x 1000 anche a bocciofile e birrerie non mi è proprio andata giù. Nel post sotto mi chiedevo perchè lo stato non intervenisse con concreti aiuti per la ricerca e mi ritrovo a leggere che non solo volontariato e salute potevano ricevere la donazione , ma da quest'anno la lista dei destinatari comprendeva anche le associazioni sportive, ed è triplicata , fra le polemiche, ma intanto i 700 milioni già donati nessuno li ha visti.

Mi chiedo ma chi è che ha avuto la brillante idea di far passare un'altro sconcio italiano? Siamo ridicoli, almeno io mi sento ridicolo, truffato, violentato nel mio voler di più per la ricerca, si muore per un'operazione di tonsille e si danno contributi a birreria T.n.t. di Chievo, Deborah Fitness Club di Porto Santo Stefano, Energia Che Ruota di Chieri.

Tre nomi a caso in uno sterminato nuovo elenco di destinatari del 5x1000, in cui compaiono anche più di duecento bocciofile, dalla Bepi Verdolin di Padova alla Combattenti di Como, una discreta rappresentanza di Dopolavoro ferroviario e svariate Dance and music. Possibile, sì. Ridicolo, pazzesco.

Il nesso fra la birreria (con biliardo probabilmente), l’energia rotante e le bocciofile di tutto il Paese è lo Sport che da quest’anno farà concorrenza a Volontariato, Ricerca e Salute per aggiudicarsi la firma dei contribuenti in fondo alla dichiarazione dei redditi.

Chissà chi ha firmato se dorme bene la notte, gli auguro di no.
Approfondimenti.

Etichette:

3 Comments:

Anonymous Comicomix said...

Hai ragione. La storia del 5 per mille è davvero ridicola. Il classico caso di una cosa nata teoricamente secondo le migliori intenzioni e trasformata in una sorta di farsa.

Un saluto affettuoso

Carlo

aprile 24, 2008 7:28 AM  
Anonymous Anonimo said...

Certo l'Italia è il belpaese cioè fatta di formaggio!! E gli italiani si lasciano spalmare sul pane da quanto so' molli!! Scusa lo sfogo ma queste notizie (difficile per me venirne a conoscenza peche non vedo la tv italiana e giornali italiani ne compro ogni tanto) mi fanno inca....are!!! Siamo il Paese dell apparenza e del buonismo. Ognuno deve fare sport per mantenersi giovane e bello magari con qualche ritocchino qua e la. I centri sociali le bocciofile per carità va tutto bene ma poi se uno non ce la fa a giocare a boccie o non ha la prospettiva di diventare anziano perchè malato, cosa fa?
Io non so' se qui in Belgio è meglio o peggio a livello di contributi alla ricerca ma all'ospedale dove andiamo noi hanno ricoverato mio marito il giorno dopo l'appuntamento dal Prof. e dopo una settimana era già in cura. E' un' ospedale dove si effettuano protocolli di ricerca e dove ci sono sale e spazi sia per i malati che per i famigliari, c'è persino una casa di accoglienza per i famigliare non residenti. Ciao Rosa

aprile 24, 2008 10:03 AM  
Anonymous Raffaella said...

Cara Rosa, ci sono ospedali, in Italia, con le p***e e le contro p***e. Due esempi per esperienza diretta: Milano, dove un prof è l'unico al mondo a fare un certo tipo di intervento misto a terapia, e lo chiamano ovuque. Il CRO di Aviano è esattamente un centro di ricerca oncologica quotatissimo affiancato da una casetta enorme, la "Via di Natale" che accoglie malato e un parente gratis per tutta la durata della terapia. Mio padre è stato operato lì, e sembra una reggia, non solo per le camere, ma per tutti i confort che ci possono essere. E' una struttura pubblica.
Ciò che manca, in Italia, sono i fondi per la ricerca, non certo le strutture, la competenza e la celerità.

aprile 24, 2008 8:21 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

-->