.comment-link {margin-left:.6em;}

ianilo marchesi carcinoma infiltrante scarsamente differenziato

Combatto una malattia al collo nella parte cervicale laterale sinistra, e due tumori ai polmoni. Nel 2006, ho fatto terapie intensive di chemio e 36 trattamenti di radio. Nel 2007 recidiva dei noduli laterocervicali con aumento delle dimensioni, dovendo cosi fare di nuovo trattamenti di chemio. Continuo a combattere, credere sempre. Per scrivermi e ne vuol far partecipe i lettori del blog. ianilo@gmail.com

Le mie foto
Nome:
Località: Riotorto, Livorno, Italy

** La verità alle volte è più vicina di quanto si creda, ed alle volte si può nascondere nelle righe di qualche paragrafo.** Se il mio blog può essere di aiuto a qualcuno, ne sarò felice.

lunedì, maggio 26, 2008

Tumori:scienziati più vicini al vaccino

Ciao, oggi è il secondo giorno che prendo l'aloe fatto in casa, effetti collaterali niente, benefici niente, siamo solo all'inizio, la sto prendendo come se fosse un'alimento qualsiasi, niente di miracoloso, un frullato.

Ho letto che ci sono scienziati sempre piu' vicini a realizzare un vaccino che colpisce in maniera mirata le cellule dei tumori. Ricercatori britannici hanno individuato una proteina sulle cellule immunitarie che, sperano, potra' aiutarli a sfruttare le difese naturali del corpo per attaccare il cancro.

Speriamo di poter usufruire di queste scoperte perchè il risultato sarebbe un vaccino capace di 'mirare' sulla proteina per portare al sistema immunitario il messaggio di attaccare il cancro, come si legge sul Journal of Clinical Investigation. La proteina in questione si chiama DNGR-1 ed e' specifica di un tipo di cellule immunitarie chiamate cellule dendritiche, quelle da cui parte il segnale che mette in azione il sistema di difesa del corpo.

Il loro compito e' far capire alle altre cellule quali sono le molecole estranee da eliminare. Il team del London Research Institute del Cancer Research UK, guidato dal Dr Caetano Reis e Sousa, approda a questo risultato dopo che per oltre 30 anni scienziati di tutto il mondo hanno cercato bersagli sulle cellule dendritiche adatti alla realizzazione di un vaccino.

In teoria, un vaccino portatore della molecola tumorale potrebbe comunicare alle cellule dendritiche che quella e' la molecola da distruggere e le cellule dendritiche manderebbero il messaggio a tutto il sistema immunitario. Lo stesso approccio potrebbe essere usato contro l'Hiv o la malaria, dicono i ricercatori.

Etichette:

4 Comments:

Anonymous raffaella said...

Ciao Ianilo, scusa, sarò telegrafica........
Come stai? Ti leggo molto poco (scrivi, molto ma rispondi poco) e mi sembra non benissimo....... che succede?
Un bacino sulla fronte

maggio 26, 2008 7:53 PM  
Blogger ianilo said...

Ciao raffaela ieri ho risposto a due mail di raffaella con indirizzo che inizia martisse3@, non sei tu?
Comunque io sempre la stessa vitaccia, ora giovedi chemio ne devo fare ancora 5 per finire il trattamento, poi si vedrà. I noduli sono sempre ingrossati, speriamo ora che mi ritornino a valori minimi e mi passi ildolore sul collo a sinistra e la spalla. Un'abbraccio ianilo

maggio 27, 2008 5:45 AM  
Anonymous Anonimo said...

ciao ianilo ho letto con molto interesse quello che hai scritto sull'aloe e ho cercato nel web. Certo credo per avere i primi benefici magari ci vuole un po' piu' di tempo. Coraggio per la chemio ..ancora 5..sembrano poche ..ma invece. Vedrai che alla fine del ciclo i valori saranno tornati alla normalità. Ti seguo e ti penso anche se sono sempre un po' di fretta.
Ciao raffa la tartaruga sta meglio da quando mi hai dato quel sito. A volte ci bastano piccole cose no? Oggi Mauro stava meglio ed è andato a lavorare e dalla dottoressa che gli pratica l'agopuntura...Rosa

maggio 27, 2008 2:22 PM  
Anonymous Anonimo said...

Argomento interessantissimo....magari un attacco solo a quelle cellule e nn a quelle sane. EVVAI......

vanessa

maggio 28, 2008 9:42 AM  

Posta un commento

<< Home

-->